. . modenaestbocce
..modenaestbocce

HISTORY

La storia delle nostre bocciofile (capitolo 1 - autore MAGNANI WILLIAM)

Cercherò di raccontare la storia della  “Bocciofila San Lazzaro”, dalla sua fondazione ai giorni nostri, i momenti significativi, il nostro passato e la nostra tradizione.
In quei tempi, parliamo di tanti anni fa, il gioco delle bocce era molto diverso da quello attuale ed è impensabile paragonare gli attuali impianti sportivi con le bocciofile di allora che erano frequentate in maggioranza da persone che dopo una dura giornata di lavoro trovava svago e divertimento in una
partita di bocce accompagnando il tutto con la bevuta di un paio di bottiglie di vino.

La Bocciofila San Lazzaro nasce nei primi anni del ‘900 nella zona del quartiere San Lazzaro in un terreno posto tra la Via Emilia Est e Via Pelusia dove oggi sorge l’Hotel Real Fini.

Era composta da otto campi da bocce in terra battuta, circondati da piante il cui scopo era di ombreggiare i campi e dare riparo ai giocatori dal caldo torrido del sole estivo, in effetti allora l’attività
boccistica si svolgeva all’aperto solamente nei mesi estivi, quando non pioveva, vi ricordo che a quel tempo non esistevano ancora bocciodromi coperti.

In quegli anni per la Bocciofila San Lazzaro hanno giocato campioni come Guerra, Strucchi, Cavalieri detto “pireina” , Tinarelli, Schiavi Ercole, Magnani Rideo, Tinti Mario, Catellani Remo, SandoniRomolo ed altri che purtroppo non ricordo, mentre i giovani emergenti erano Balugani Vincenzo, Sola Enzo, Morselli Maurizio, Roli Tonino.

Verso la fine degli anni 1960 la Bocciofila si sposta c/o il mitico Bocciodromo Armando situato nella periferia di Modena, quartiere Modena Est, era l’unico impianto ad avere ben 16 campi coperti, per quei tempi era una cosa impensabile poter giocare anche nei mesi invernali. In effetti per anni rimane l’unico impianto ad essere frequentato, indistintamente dalla società di appartenenza, dai bocciofili modenesi e non solo.

Bisogna riconoscere che la fortuna del bocciodromo Armando fu nell’assegnare la gestione dell’impianto al mitico Soli Loris il quale per anni riuscì ad organizzare gare ed eventi di ogni tipo.

Sono anni di grande prestigio per la B occiofila di San Lazzaro, divenuta poi SITAM, può contare un numero considerevole di giocatori da bocce, capitanati da un organizzatore insuperabile Ernesto
Ruggerini
.

I campioni di allora erano Biagini Filippo. Montorsi Mauro, Donini Bruno, Pedrini William etc. mentre i giovani emergenti erano Paradisi Marco, Xella Andrea e Magnani William.

Alla fine degli anni ‘80 il Bocciodromo Armando chiude, la Società SITAM divenuta definitivamente Polisportiva Modena Est si trasferisce nel nuovo impianto inaugurato nel 1987 , situato nel cuore del quartiere Modena Est, che comprende non solo il Settore Bocce bensì ogni attività sportiva e ricreativa.

Gli anni passano lentamente e il gioco delle bocce pian piano di trasforma, dal tradizionale puro svago al rango di sport a tutti gli effetti , dai campi di terra battuta all’aperto, all’avvento d ei bocciodromi coperti agli attuali campi col fondo in materiale sintetico e bocce composte da materiali sempre più ricercati.

Mi sono imposto di non elencare i campioni dei giorni nostri, in quanto è sufficiente informarsi sui
vari siti di bocce per vedere le ultime vittorie, bensì ritengo più importante ringraziare coloro che negli anni hanno utilizzato il loro tempo libero ai fini dell’attività boccistica Ruggerini Ernesto, Franciosi Romeo, Soli Loris, Garavaldi Gino, Donini Bruno, Pedrini William, Baracchi Ivan, Ansaloni Luigi, Pagliani Tiziano, Ferrari Emanuele (mi scuso se mi sono dimenticato qualche nome) e voglio ricordare che per una società antica come la nostra gli anni non simboleggiano “anzianità” ma sono profondo motivo di orgoglio, ogni anno infatti rappresenta un passo di un cammino che vuole testimoniare la memoria e il ricordo di tutti coloro che hanno voluto essere membri di questa famiglia sportiva.

BRUNO DONINI

La passione delle bocce esiste da sempre in particolare lungo la via Emilia

I nostri bis bis nonni giocavano con le bocce di legno nei cortili e nelle strade agli inizi del 1900

a metà secolo sorsero le prime bocciofile lungo la via Emilia a San Lazzaro dove ora c'è il Gran Hotel Fini sotto un filare di pioppi sorsero i primi campi in terra battuta interminabili sfide venivano accompagnate da innumerevoli bottiglie di lambrusco fra urla e sfotto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RIDEO MAGNANI

 

Rideo ha iniziato a giocare a bocce nei primi anni del dopo guerra , nell’allora bocciofila San Lazzaro - diventata oggi Polisportiva Modena Est - di cui è rimasto socio per oltre 60 anni senza mai trasferirsi in altra società.
Da sempre accanito sostenitore del gioco delle bocce ed abile stratega, spesso mi raccontava di quando incontrava i campioni dei tempi passati sui campi di terra battuta, quando ancora si giocava all’aperto, mi spiegava come negli anni era cambiato il gioco con l’avvento dei  bocciodromi coperti e degli  attuali campi sintetici, in ogni caso, mi ricordava,  nonostante tutti i cambiamenti avvenuti rimane sempre un gioco ed un mezzo per socializzare. 
Era orgoglioso dei campioni che avevano onorato la maglia della sua società, da  quelli di una volta Guerra e Strucchi vincitori della Coppa Ghirlandina a Cavalieri e Tinarelli vincitori del Gran Premio Città di  Salsomaggiore, solo per citarne alcuni, ai giovani come Paradisi Marco e Xella Andrea che hanno iniziato a giocare sui campi del mitico Bocciodromo Armando (dove in quegli anni si era trasferita la Società di San Lazzaro) e tutt’ora svolgono attività boccistica, ai campioni come Ascari Ermanno Campione Italiano anno 1987 e Biagini Filippo, fino ad arrivare ai campioni dei giorni nostri.
Gli ultimi mesi della sua vita, quando a causa del suo stato di salute era costretto a rimanere a letto, ogni giorno mi chiedeva quanta gente c’era a giocare a bocce, si preoccupava che tutti i campi fossero in funzione. Nonostante si rendesse conto che stava per lasciarci, era preoccupato che gli attuali dirigenti  a causa delle esigenze di bilancio, vedendo campi inutilizzati potessero ridurre il numero dei campi da bocce ed assegnare gli spazi ad altre attività. Mi ripeteva, “quello è l’unico ed ultimo posto dove le persone anziane possono ancora trascorre qualche ora della giornata in compagnia degli amici, stare seduti a fare chiacchere senza essere cacciati perché consumi poco o niente”.
In ricordo di mio padre ho deciso di organizzare una gara di bocce, convinto che sia il modo migliore di ricordarlo con il gioco e nell’ambiente che ha sempre amato.

William

BENATTI UMBERTO

MODENA EST BOCCE

modenaestbocce
V.le dell'Indipendenza 25 - 41122 MO

Successi e piazzamenti

< ALBO D'ORO NOSTRE GARE >

.Vincitori SAN GEMINIANO

36°TARANTINO (Rubiera)

37°TARANTINO (Rubiera)

38°POROZZI-SIMONAZZI (Coldor

39°LOSI GOVONI (Tricolore RE)

40°BERSELLI L. SETTI (S.Pierina)

41°CAVAZZUTI L.  VANDELLI

<< GHIRLANDINA >>

75° BENEDETTI SALERI (brescia)

76° PATRIGNANI CAPPELLACCI 

77° TOSCA SACCHETTI Tritum BG

78° BAGNOLI RUSSO Villafran. VR

79° VISCUSI FORMICONE Cacc.MI

<<Maghetto>>

54°Balboni P. (Baldini BO)

55°Frisoni (Libertas S.Marino)

56°Pirani (Baldini BO)

Il nostro nuovo sito web

Vi invitiamo a visitare il nostro sito. WWW.MODENAESTBOCCE.IT

resp.aggiornamento sito Pagliani Tiziano 335 352885

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© modenaestbocce Polisportiva Modena Est Viale dell'Indipendenza, 25 Modena C.F. 80011090364 Partita IVA: 02413710365